Questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti per rendere più facile la navigazione. Acconsenti all'uso dei cookie?

Quotazione e Prezzo dell'Oro e Argento. News e Corsi Trading. Metalli Preziosi +39 333 441 1518

Metalli Preziosi

Brexit - Convegno ad Arezzo

Inserito in Brexit News

Brexit ed aziende orafe.

Il 'Brexit day' forse arriverà a fine mese. In vista di questa importante data mercoledì 9 ottobre alla Borsa Merci di Arezzo è stato organizzato un incontro da Camera di Commercio e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, per preparare le imprese aretine. 'Brexit: scenari, impatto, problemi e prospettive per le aziende', il titolo del seminario.

 Quali saranno le conseguenze della Brexit o hard Brexit sulle aziende e imprese orafe di Arezzo? Oro, prodotti chimici, turismo: le conseguenze dell'Hard Brexit sulle imprese di Arezzo saranno pesanti? Il Regno Unito è il quinto mercato di sbocco per l'export delle aziende di Arezzo: metalli preziosi (215 milioni di euro), moda (145 milioni di euro), oreficeria e gioielleria (37 milioni) e prodotti chimici (20 milioni). Ci sarà una svalutazione della sterlina che potrebbe danneggiare le nostre esportazioni? Verranno reintrodotte nuove barriere doganali?

 Il Regno Unito, si spiega dalla Cciaa, rappresenta il quinto mercato per le aziende esportatrici della provincia di Arezzo: i flussi di merci, nel 2018, si sono attestati a 560 milioni di euro (8,3 % del totale). In particolare si esportano metalli preziosi (215 milioni di euro), moda (145 milioni di euro), oreficeria e gioielleria (37 milioni) e prodotti chimici (20 milioni). Un quadro che "sarà certamente condizionato, nel breve termine, dalla svalutazione della sterlina, cosa che renderà meno competitivi i nostri prodotti.

Nel medio e lungo termine invece la Brexit potrebbe penalizzare l'export italiano anche l'eventuale reintroduzione delle barriere tariffarie e non tariffarie, barriere che peraltro interesseranno anche la stessa mobilità dei lavoratori. Una trasformazione interesserà probabilmente anche i flussi turistici provenienti dalla Gran Bretagna, quinto paese, sempre nel 2018, di provenienza dei turisti nella nostra provincia con 14.730 arrivi e quarto per numero di pernottamenti con 67.953 presenze.

Anche in questo caso l'eventuale svalutazione della sterlina nei confronti dell'euro con conseguente modifica del potere di acquisto potrebbe incidere sulle scelte dei britannici riguardo alle destinazioni turistiche. Queste valutazioni troveranno una prima conferma nelle prossime settimane, cruciali per delineare prospettive e esiti a medio termine dell'abbandono britannico dell'Unione Europea". (ANSA).

Le prospettive restano comunque molto incerte soprattutto per la debolezza del commercio internazionale e l’incertezza legata all’adozione di politiche protezionistiche.
Sul versante dei dazi in particolare suscita preoccupazione la decisione che l’organismo per la soluzione delle dispute del World Trade Organization ha assunto. Infatti il WTO ha riconosciuto a Washington la possibilità di imporre  su 7,5 miliardi di dollari di export europeo, come sanzione per i presunti sussidi ricevuti negli anni da Airbus. Si tratta di dazi che non interesseranno, salvo sorprese, il settore della gioielleria.

Tags: aziende orafe arezzo Brexit

Il Forex Broker Pure Market.

Forex Trading Expert Advisor.