Questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti per rendere più facile la navigazione. Acconsenti all'uso dei cookie?

Quotazione e Prezzo dell'Oro e Argento. News e Corsi Trading. Metalli Preziosi +39 333 441 1518

ActivTrades.

Metalli Preziosi

Oro - Analisi Settimana 23 Marzo

Inserito in Prezzo Oro

L'oro e l'argento sono saliti sulle notizie delle tariffe anti-Cina di Trump e l'aumento della Fed, mentre il rame ha perso molte posizioni.


I prezzi dell'oro hanno guadagnato addirittura l'1 per cento venerdì (23 marzo), quando gli investitori hanno cercato sicurezza dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è mosso verso le tariffe

anti-Cina promesse da lungo tempo.

"Le incertezze legate a una possibile guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina stanno guidando alcuni acquisti di beni rifugio", ha affermato Hareesh V , responsabile della ricerca sulle materie prime, Geojit Financial Services.

Il Prezzo dell'oro si è anche trovato in rialzo a causa di un dollaro più debole dopo che la Federal Reserve ha annunciato il primo rialzo degli interessi del 2018 mercoledì (21 marzo).

Nonostante i cali che hanno portato all'annuncio della Fed, il prezzo dell'oro è salito dell'1,12%, raggiungendo US $ 1,326,80 poco dopo l'annuncio del rialzo.

Secondo i funzionari della Federal Reserve, quest'anno continuano a prevedere un totale di soli tre aumenti. Tuttavia, prevedono un più ripido percorso di crescita nel 2019 e nel 2020, citando un miglioramento delle prospettive economiche.

"La guida in termini di futuri rialzi dei tassi è un tocco più aggressivo di quanto inizialmente previsto. 2019 sembra che avremo un ritmo più veloce di aumenti dei tassi ", ha detto Matt Miskin, stratega di mercato di John Hancock Investments.

Si è materializzata una tendenza all'affondamento del dollaro a seguito di un rialzo dei tassi, che è una buona notizia per l'oro e il suo appeal all'interno del mercato. Gli investitori saranno anche incuriositi dalle aspettative della Fed sull'inflazione, dove l'oro di solito agisce da copertura.

Da parte sua, l' argento è sceso anche prima del rialzo degli interessi , in calo dello 0,8% martedì (20 marzo). L'argento alla fine ha raggiunto US $ 16,56 l'oncia dopo che l'aumento è stato ufficializzato.

Secondo Carlo Vallotto (metalli-preziosi.it) in questo caso, la pressione di vendita in oro e argento si è verificato perché i commercianti hanno stimato che un rialzo dei tassi negli Stati Uniti sarebbe ribassista per i metalli. E quando il rialzo dei tassi si è effettivamente verificato, i metalli si sono mossi più in alto perché i venditori erano già esausti e avevano giocato la loro mano di rialzo dei tassi.

A completare la panoramica dei metalli è il prezzo del rame , che è rimasto invariato per gran parte della settimana, ma ha subito un calo nei giorni successivi all'annuncio del rialzo degli interessi da parte della Fed. A partire dalle 10:38EST il rame è sceso del 3,32%, scambiato a 3,09 dollari USA per libbra.

Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono saliti venerdì quando il ministro saudita per l'energia ha affermato che l' OPEC avrebbe dovuto continuare a coordinare i tagli delle forniture con i paesi non membri nel 2019.

L'aumento del petrolio ha sfidato un crollo dei mercati azionari globali, che crollati in risposta alle preoccupazioni per uno stallo commerciale tra Stati Uniti e Cina.

"Ci sono ragioni sufficienti per aspettarsi che i prezzi del petrolio si rafforzino ulteriormente da qui, e noi continuiamo a prevedere il nostro (Brent) $ 75 al barile per il Q3", ha detto Morgan Stanley .

A partire da venerdì alle 11:05 EST, il petrolio ha guadagnato lo 0,73%, scambiato a 65,32 USD al barile.

Tags: prezzo argento copper petrolio Gold

Forex Trading Expert Advisor.