Questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti per rendere più facile la navigazione. Acconsenti all'uso dei cookie?

Quotazione e Prezzo dell'Oro e Argento. News e Corsi Trading. Metalli Preziosi +39 333 441 1518

ActivTrades.

Metalli Preziosi

ESMA - Trading News

Inserito in Esma

ESMA - Le Trading News per Broker e Trader.    

L'ESMA.Le decisioni dell'Esma l'autorità europea, con le nuove limitazioni, hanno creato più problemi di quelli che volevano risolvere. Cosa faranno i broker per non perdere clienti e fette di mercato? I trader, specialmente gli scalpers, cosa fanno per poter operare con i propri sistemi di trading? Come si possono evitare le rigide regole ( temporanee) poste dall'ESMA. In tutta europa la risposta, sia dai broker che dai trader, è: evitare le nuove restrizioni al trading. Ma come? L'ESMA sta creando problemi a broker europei affermati da 15-20 anni ed a trader che possono insegnare il trading a molti gestori bancari, che però non sono i destinatari di alcuna restrizione.  L'ESMA sta spingendo i trader verso le banche?

Le nuove regole Esma - Difficile che i trader si rivolgano alle banche a causa dei costi alti e delle piattaforme non performanti. Più facile che si rivolgano a broker extra europei non sottoposti alle restrizioni decise dall'ESMA nonostante la protesta di circa 18.000 traders. 

L'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), ha cambiato le regole del trading dopo l'entrata in vigore della MIFID 2 che ha dato all'ESMA nuovi poteri. L'Esma li ha usati immediatamente. Il regolatore ha definito limiti di margine per i trader al dettaglio, cioè per i piccoli trader, cambiando le dinamiche del settore.  

In risposta a questi cambiamenti, ActivTrades e CMC Markets, tanto per citare alcuni dei broker leader più noti, hanno creato l'account riservato ai trader Pro per consentire ai propri clienti di mantenere la leva corrente. I trader professionisti avranno una serie di agevolazioni e le leve di trading che permetteranno di tradare in modo professionale. Per qualificarsi per l'account Pro, è necessario però soddisfare almeno due dei seguenti tre criteri: 

  • Aver effettuato transazioni significative (?) in un mercato rilevante. (10 per trimestre nei precedenti quattro trimestri) 
  • Avere un portafoglio di strumenti finanziari oltre € 500.000
  • Lavorare o aver lavorato nel settore finanziario da almeno un anno in una posizione professionale rilevante.  

Per i trader esperti queste sono condizioni chiaramente impossibili; chi è così pazzo da tenere 500.000 euro su un conto corrente? E allora via dall'Europa.

L'Esma.

Trading con broker australiani?

Tutti in Australia? Alcuni broker trasferiscono i loro clienti UE nelle loro filiali australiane. I broker regolamentati nell'Unione Europea e in Australia sfruttano le loro diverse licenze. Le nuove normative europee sono imminenti e gli intermediari che detengono le licenze della Australian Securities and Investments Commission (ASIC) utilizzano una scappatoia normativa per onorare le richieste dei clienti che desiderano operare con maggiore leva. 

Il  nuovo quadro normativo pensato dall'ESMA per i broker chiude la porta in faccia ai clienti che desiderano utilizzare la leva finanziaria sopra l'1:30. Questo nuovo regolamento ha provocato proteste da parte deibroker e di molti trader che utilizzano una leva finanziaria più elevata per mantenere un'esposizione adeguata al mercato. Qualche mese prima moltissimi trader e broker hanno spiegato le loro ragioni ed esigenza invano. 

I broker forex regolamentati dall'UE stanno quindi cercando modi per sbarazzarsi del nuovo ( temporaneo) regolamento ed i broker che detengono una licenza australiana stanno già prendendo provvedimenti per soddisfare le richieste dei clienti. Altri broker aprono filiali alle Bahamas per incontrare la domanda dei trader che vogliono evitare le limitazioni Esma. 

Dal punto di vista della conformità, non è molto difficile per le aziende trasferire i propri clienti europei in Australia. Tuttavia, un broker non ha il diritto di sollecitare proattivamente i clienti a modificare la propria giurisdizione normativa. Il quadro normativo esistente nell'UE non vieta ai clienti di scegliere di lavorare con una filiale di intermediazione situata al di fuori dell'UE, ma la società non può ordinare ai clienti di trasferire i loro conti.

 
Interesse dei trader che lasciano l'UE

I trader sono desiderosi di lasciare l'UE per usare una leva più alta. Diverse aziende hanno sperimentato un'ondata di richieste dei clienti per effettuare la transizione. L'Australia e l'UE stanno lavorando a stretto contatto per sincronizzare i loro quadri normativi a livello istituzionale, ma il mercato al dettaglio non è trattato allo stesso modo, almeno per ora. I broker europei stanno esaminando in profondità come soddisfare le esigenze dei loro clienti e questa è solo una delle soluzioni. Attualmente ogni authority si regola in modo autonomo.


Protezione ASIC

I clienti al di fuori dell'Australia che aprono conti con broker regolamentati da ASIC non sono ben protetti. In effetti, il quadro normativo in base al quale operano i broker australiani si applica solo ai loro clienti residenti nel paese.  Molti broker usano le loro licenze australiane per ospitare trader di tutto il mondo, specialmente in Estremo Oriente. Le filiali controllate dall'ASIC possono scegliere di rispettare il quadro normativo per tutti i loro clienti, ma attualmente i clienti al di fuori dell'Australia non sono protetti in caso di controversia con un broker.

L'ESMA, i cui componenti arrivano dal settore bancario, invece che risolvere ha creato un bel problema a tutti gli operatori del settore trading online. 

Tags: Esma trader Broker trading news

Forex Trading Expert Advisor.