Questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti per rendere più facile la navigazione. Acconsenti all'uso dei cookie?

Quotazione e Prezzo dell'Oro e Argento. News e Corsi Trading. Metalli Preziosi +39 333 441 1518

Metalli Preziosi

L'Oro di Dongo

Inserito in Oro

Oro ( 8 miliardi dell'epoca) preso a Mussolini e sparito in Svizzera. 

L'oro di Dongo - Mussolini.La storia, Bankitalia, Botteghe Oscure comprata con l'Oro, i gioielli ed i documenti presi a Mussolini e poi spariti in Svizzera nella casse del partito comunista. Tutti i testimoni uccisi, un giudice suicidato ed il processo mai finito. Oro sparito in Svizzera e giustizia mai fatta. L'oro del fascio, frutto delle nefaste leggi razziali, l'oro degli ebrei, un tesoro di 42 chili in lingotti d'oro, gioielli, ma anche le fedi nuziali donate dagli italiani alla patria. Tutto l'oro viaggiava con Mussolini. Il duce era ormai in fuga da Milano senza una destinazione precisa sulla sponda occidentale del lago di Como. Il dittatore viene scoperto su un camion di soldati tedeschi fermo nella piazza di Dongo. Dopo breve trattativa i soldati tedeschi proseguono con i loro camion verso la Germania ed abbandonano Mussolini ed il suo tesoro d'oro. Inizia la razzia. Chi sa viene ucciso. Oggi sarebbero 263 miliardi!

L’oro di Dongo 

I più furbi tra i partigiani cominciano a razziare le auto della colonna rimaste incustodite. Ad un certo punto, davanti ai loro occhi allibiti, saltano fuori le sei famose valigie piene d'oro. Per evitare un saccheggio di più ampie proporzioni, il capo di stato maggiore della 52ª Brigata Garibaldi, capitano "Neri" ordina di portarle nel municipio di Dongo, dove la partigiana Giuseppina Tuissi, nome di battaglia «Gianna», fa l’inventario di tutto quel ben di Dio. La "Gianna" è anche la donna del capitano "Neri".

L'oro a chi doveva essere consegnato?

Sulla destinazione da dare all'oro preso a Mussolini scoppia ben presto una lite furibonda. Il segretario del Partito comunista clandestino di Como, Dante Gorreri, sostiene che quei beni appartengono al Partito comunista. Il capitano «Neri» sostiene invece che quei beni appartengono allo Stato italiano e che pertanto vanno riconsegnati alla Banca d’Italia. Nel tardo pomeriggio del 28 aprile il tesoro viene trasportato nella villa delle sorelle Teresa e Luisa Venini, a Dòmaso. Però all’alba del 29, poco dopo le quattro, un gruppo di partigiani bussa alla porta della villa. Hanno in mano un foglio con il timbro del Partito comunista di Como. Caricano tutto su un’auto e spariscono.

Dove è finito l'oro di Dongo?

L'oro di Dongo secondo la rivista americana Life ed una inchiesta del giornalista John Kobler è stato rubato e nascosto in Svizzera. La sua inchiesta: «The great Dongo’s robbery». Kobler ha fatto parte infatti del’Oss, il servizio segreto statunitense durante la campagna d’Italia. Pensa che il tesoro sia finito nelle casse del Pci e utilizzato per sostenere le due campagne elettorali del 1946 e del 1948, per acquistare il palazzo di via delle Botteghe Oscure e per finanziare le forze militari clandestine e l’apparato di sezioni e cellule in tutta Italia.

Testimonianze

Massimo Caprara, segretario di Palmiro Togliatti, testimonierà che l'oro preso a Mussolini a Dongo è finito nelle casse del Partito comunista. Un avvocato provvide a riciclare tutto in banche svizzere, poi riutilizzabili in Italia. La somma totale era enorme: 66.259.590 dollari, pari a circa 8 miliardi di lire dell’epoca. 61 milioni del ‘Fondo riservato’ della Repubblica sociale, l’equivalente di 1.210.000 dollari tra franchi svizzeri, pesetas, sterline e franchi francesi del fondo personale di Mussolini, 49mila dollari di anelli nuziali offerti dalle donne italiane per la campagna d’Etiopia, 4 milioni di fondi dell’esercito e dell’aeronautica del Reich requisiti sugli automezzi della Flak”. Ci sono poi i 33 milioni in biglietti da mille lire che vengono scaricati a Domaso dai tedeschi in ritirata.

Inventario del tesoro di Dongo

A fare l’inventario provvisorio di banconote e preziosi sono due partigiani dalla fama travagliata e controversa: Luigi Canali, il “capitano Neri”, e Giuseppina Tuissi, “Gianna”. I due si amano e il “Neri” si fida solo di lei. L’inventario viene terminato e firmato dai vertici della 52ª brigata il 28 aprile. Dopo varie riunioni, si decide di affidare il tesoro alla federazione di Como del Partito comunista. Il segretario della federazione si chiama Dante Gorreri. La partigiana “Gianna” riempie cinque o sei valigie di cuoio giallo. I viaggi in auto per trasferirlo in auto da Dongo a Como sono due. Dopo il secondo viaggio gli stessi partigiani arrestano il “Neri” e la sua donna con una falsa accusa di collaborazionismo.

Una volta arrivato nella federazione di Como, l'oro svanisce, diretto al partito di Milano, dove ci sono Luigi Longo e Pietro Vergani, “Fabio”.

Il "Neri" (Canali) e la sua donna la "Gianna" vengono gettati nel lago con due colpi alla nuca nella prima decade di maggio. Poi tutti gli altri testimoni vengono ammazzati dalla “polizia del popolo” di orientamento comunista.

L'inchiesta sull'oro di Dongo

Parte l’inchiesta sul'oro di Dongo con accuse di omicidio premeditato e concorso in peculato, oltre a peculato, malversazione, estorsione, furto aggravato, ricettazione, ma il percorso dell’inchiesta è molto difficile. 
La magistratura ordinaria e quella militare si rimpallano le indagini. Il processo, trasferito da Como a Padova, si apre nel 1957, nel clamore generale, ma un giudice popolare della Corte d’assise si sente male e il processo viene sospeso. Quando poi questo giudice si suicida, tutto viene azzerato. Ma il processo non si farà più. Gorreri sarà parlamentare del Pci fino al 1972, Vergani fino al 1970, anno della sua morte.

Sull’oro di Dongo e sui cinque partigiani uccisi nella primavera del ‘45 non c’è mai stata giustizia. L'Oro è sparito in Svizzera. Ma a sorpresa Bankitalia dichiara di avere dal 1999 un cospicuo numero di sacchi appartenuti al tesoro di Mussolini. 419 plichi e 2000 robusti e capienti sacchi che ancora non sono stati aperti. Perchè?

ORO di Dongo

Bankitalia svela il tesoro

Il tesoro dimenticato di Mussolini in un caveau di Bankitalia

Interpellanza Vacciano in Parlamento

Omicidio Mussolini e l'oro di Dongo

L'oro degli italiani nelle case del PCI

Dongo: l'oro svanito nel nulla

Tags: DOngo Mussolini oro

Il Forex Broker Pure Market.

Forex Trading Expert Advisor.