Questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti per rendere più facile la navigazione. Acconsenti all'uso dei cookie?

Quotazione e Prezzo dell'Oro e Argento. News e Corsi Trading. Metalli Preziosi +39 333 441 1518

Il mercato

EIA - Domanda di Petrolio ed Economia

Inserito in Petrolio

Il petrolio.

L'Agenzia internazionale per l'energia (EIA) prevede minor domanda di petrolio nel 2019 per il rallentamento dell'economia globale a causa della guerra commerciale Cina - Usa. 

L'EIA sta rivedendo la sua previsione di crescita della domanda mondiale di petrolio per il 2019 a 1,1 milioni di barili al giorno (bpd) e potrebbe ridurla di nuovo se l'economia globale e in particolare la Cina mostrasse ulteriore debolezza. Lo ha dichiarato Fatih Birol, direttore EIA, a Reuter.

Contenuti:

L'EIA lo scorso anno aveva previsto che la domanda di petrolio per il 2019 sarebbe cresciuta di 1,5 milioni di barili al giorno, ma aveva ridotto le previsioni di crescita a 1,2 milioni di barili nel giugno di quest'anno.

"La Cina sta vivendo la sua crescita economica più lenta negli ultimi trent'anni, così come alcune delle economie avanzate ... se l'economia globale è ancora più povera di quanto crediamo, allora potremmo anche rivedere i nostri numeri ancora una volta nei prossimi mesi", ha detto Birol a Reuters in un'intervista.

La domanda di petrolio

La domanda di petrolio è stata colpita dalla guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina in un momento in cui i mercati sono inondati dal petrolio, a causa della crescente produzione di scisto statunitensi.

La produzione di petrolio degli Stati Uniti secondo le previsioni crescerà di 1,8 milioni di barili nel 2019, il che sarebbe più lento rispetto all'aumento di 2,2 milioni di barili registrato nel 2018, aggiungendo che "questi volumi entreranno in un mercato in cui la crescita della domanda sta calando". Se i prezzi del petrolio rimangono elevati, si prevede che la produzione statunitense di greggio salirà a 26,4 milioni di barili al giorno entro il 2025.

Eia e Medio Oriente

L'EIA era preoccupata per le crescenti tensioni nel Medio Oriente, in particolare attorno allo Stretto di Hormuz, una rotta marittima vitale che collega i produttori di petrolio del Golfo ai mercati in Asia, Europa, Nord America e altrove. Washington sostiene che ci sia lo zampino dell'Iran dietro gli attacchi alle petroliere a maggio e giugno vicino allo Stretto, un'accusa che naturalmente Teheran nega.

"Stiamo tenendo d'occhio ciò che sta accadendo lì. E se succede qualcosa, siamo pronti ad agire in modo rapido e deciso ", ha detto, dopo aver riferito che l'Iran aveva sequestrato una petroliera straniera che contrabbandava carburante nel Golfo.

Circa 20 milioni di barili di petrolio, o circa un terzo del petrolio scambiato a livello mondiale, passarono attraverso lo Stretto, ha detto Birol.

Produttori di Petrolio

I principali produttori di petrolio sono alla ricerca di percorsi alternativi. L'Iraq prevede di esportare più petrolio nel porto turco di Ceyhan e costruire nuovi oleodotti per fornire petrolio ai porti della Siria, del Libano e dell'Arabia Saudita.

"Nel brevissimo termine, l'effetto di queste opzioni non è molto grande. Dovremmo pensare alle opzioni e lavorare su di esse. Non porteranno un grande cambiamento nei mercati attuali, ma saranno utili a medio e lungo termine ", ha affermato Birol. L'Opec continuerà ad adeguare la propria produzione alla produzione di scisti Usa. Ciò implicherebbe una spirale al ribasso nella produzione dell'OPEC.

Prezzi del Petrolio

I prezzi del petrolio WTI a circa $ 65 al barile incorporano nel prezzo le tensioni relative a Iran, Libia e Venezuela, così come le preoccupazioni per il commercio USA-Cina.

Ma ha detto che non si aspettava un grande balzo dei prezzi perché c'è "un sacco di petrolio e questo è principalmente grazie alla rivoluzione dello shale negli Stati Uniti".

Tags: EIA offerta petrolio domanda petrolio trading petrolio prezzo petrolio

Il Forex Broker Pure Market.

Forex Trading Expert Advisor.